Dolci fritti

French toast al cocco e limone caramellati

French toast in inglese (= toast alla francese), pain perdu in francese (= pane perduto), arme Ritter in tedesco (=cavaliere povero), brustoloni alla Catone nel manuale di Nonna Papera. Tanti nomi per una ricetta, conosciuta in tutta Europa fin dal medioevo e poi esportata nelle Americhe, dove è diffusissima ed apprezzatissima.

Si tratta, in origine, di un modo povero e casalingo per riciclare il pane raffermo, sia in versione salata che in versione dolce. Ma evidentemente, come moltissime ricette povere, ha riscosso grande successo, tanto da passare da ricetta casalinga a ricetta da manuale di cucina. Ognuno poi ha aggiunto del suo, cambiando, togliendo o aggiungendo ingredienti secondo le abitudini e la disponibilità del luogo.

La ricetta base prevede di inzuppare delle fette di pane raffermo in un mix di uova sbattute e latte, per poi cuocerle in padella o al forno. Da qui in poi le varianti sono infinite, ma sempre con un risultato delizioso. Eccovi anche la mia versione.

Ingredienti per 1 porzione:

2 fette di pane spesse 1,5 cm

1 uovo

2-3 cucchiai di latte di cocco

1 cucchiaio di succo di limone

1 pizzico di sale

2-3 cucchiaini di zucchero integrale di canna

3 cucchiaini di burro di cocco

1 pesca per servire

cannella a piacere

Procedimento:

In un piatto fondo sbattere l’uovo con il latte di cocco, il succo di limone ed il sale. Non occorre aggiungere zucchero perché il latte di cocco è già dolce di suo.

Immergervi le fette di pane, che può essere più o meno raffermo. Se è molto duro, immergerlo prima in un po’ di latte per ammorbidirlo, oppure aumentare la quantità di latte nell’uovo e lasciare in ammollo il pane il tempo necessario perché si ammorbidisca anche all’interno.

 

Scaldare il burro di cocco in una padella antiaderente a fuoco medio, sgocciolare le fette di pane e adagiarle in padella.

Cuocerle a fuoco medio per circa 2 minuti, poi girarle e cospargerle con lo zucchero.

Cuocere per altri due minuti e ripetere l’operazione sull’altro lato. Infine dorare bene entrambi i lati per una decina di secondi, finché si forma una leggera crosticina bruna su entrambi i lati.

  

Togliere i french toast dalla padella, versarvi la pesca tagliata a fettine insieme ad un po’ di zucchero di canna, un cucchiaio di acqua e una spolverizzata di cannella, se piace. Cuocere le fettine di pesca per un paio di minuti, finché si forma un sughetto semi denso.

Versarle sul pane e servire.

Ora non resta che gustare questi deliziosi french toast: croccanti fuori e morbidi dentro, insaporiti dal cocco che ben si sposa al limone, e con una meravigliosa crosticina caramellata.

Naturalmente la frutta può essere variata a piacere, secondo i gusti e la disponibilità stagionale. Per quel che riguarda il pane, secondo la mia esperienza è meglio evitare il classico pane bianco da toast, perché è troppo sottile e si spappola molto facilmente. Meglio un pane in filone o pagnotta da affettare, oppure un pane in cassetta di grano duro, integrale o multi cereali come il mio. Oltretutto è più saporito.

I french toast sono un’ottima colazione completa ed energetica, ma sono altrettanto ottimi anche per la merenda dei bambini, che così mangeranno più volentieri la frutta.