Dolci senza cottura, Pasticcini

Tartufini di biscotti e confettura

Quando ho letto dell’iniziativa di AIFB di creare il Calendario del cibo italiano, con giornate dedicate ad un piatto particolare e settimane dedicate ad argomenti specifici, mi sono subito entusiasmata per questa splendida iniziativa. I miei complimenti a tutte le food blogger che si impegnano in questo percorso!
Oggi ho fatto questi dolcetti per smaltire biscotti, confettura e pistacchi che avevo in dispensa, senza sapere che ieri è iniziata la settimana degli avanzi; quindi, quale occasione migliore per ribadire un comportamento così caro alle nostre mamme e nonne, e che oggi più che mai è necessario ri-adottare. Cinzia Martellini Cortella del blog Cindystar, ambasciatrice di questa settimana, ha scritto un articolo molto esauriente sull’argomento, che vi invito a leggere qui.
Ma torniamo ai tartufini di biscotti.

Ingredienti per 35 tartufini circa:

200 gr di biscotti tipo frollini
100 gr di amaretti
140 gr di cioccolato fondente al 70% di cacao
60 gr di burro
1 vasetto piccolo di confettura a piacere
pistacchi macinati per decorare

Procedimento:

Mettere i biscotti in un sacchetto da freezer e ridurli in briciole con un matterello pesante. Se si usa il frullatore si ottiene una polvere che, una volta impastata col resto degli ingredienti, diventa un mappazzone pesante; invece così le briciole ed i piccoli pezzettini rimasti daranno una sensazione di leggera croccantezza molto piacevole.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro.
Aggiungervi le briciole di biscotti e amalgamare bene: si otterrà un composto granuloso.
Aggiungere infine la confettura: io ne ho usata una di fragole e rabarbaro che avevo fatto circa 2 anni fa, ancora perfetta.
Se i tartufini non devono essere mangiati dai bambini, si possono aggiungere anche un paio di cucchiai di liquore a piacere: rum, brandy, marsala, alchermes, ecc.
Amalgamare bene il composto, che ora sarà appiccicoso.
Metterlo in frigorifero il tempo necessario perché si rassodi. Se preparato il giorno prima, come ho fatto io, diventerà duro, ma basta tenerlo per un po’ a temperatura ambiente e ritornerà lavorabile.
Con le mani umide formare delle palline grosse come noci e passarle nella polvere di pistacchi; a distanza di poco tempo, le palline la assorbiranno, quindi è necessario ripassarvele una seconda volta.
Disporre i tartufini nei pirottini di carta e servirli, oppure conservarli in frigorifero, coperti affinché non prendano odori.
Naturalmente si possono “panare” con quello che si desidera, o meglio, quello che si ha a disposizione: vanno benissimo il cocco rapé, le codette di cioccolato, gli zuccherini colorati, la granella di nocciole, eccetera. L’importante è aprire la dispensa e ….. la fantasia. 😉
Con questi tartufini di biscotti e confettura festeggio il doppio compleanno: 3 anni del blog e 14 anni del mio bimbo, che ormai non è più tale.
Buon appetito!
Ornella Angela